Home » Grammatica » Nomi Collettivi – Esempi e Spiegazione

Nomi Collettivi – Esempi e Spiegazione

I nomi collettivi sono dei nomi al singolare, che però hanno un significato plurale. Per esempio, dire Il gregge significa pensare a un numero imprecisato di pecore, ma sicuramente più di una. Nonostante questo, l’articolo Il davanti a gregge ci dice che il nome è al singolare, gregge è infatti un nome collettivo.

I nomi collettivi lasciano ampio spazio ai dubbi, soprattutto quando si usano nelle frasi e si deve scrivere il verbo coniugato correttamente. La regola è che anche il verbo deve seguire la forma singolare del nome collettivo, senza tenere in considerazione, almeno nel modo di scrivere, il significato del nome. La formula corretta non sarà Il gregge pascolano, ma Il gregge pascola.

Gli errori più comuni si fanno perché il nome collettivo non è sempre accanto al verbo, per motivi logici. Se ti trovi nell’esigenza di inserire un complemento di specificazione al nome collettivo, il quale assume la funzione del soggetto. Per esempio, potresti essere portato a scrivere La truppa dei soldati prussiani non erano preparati, perché il complemento di specificazione Dei soldati prussiani è al plurale. Questo sarebbe considerato errore grave dal punto di vista grammaticale, perché il verbo, deve invece collegarsi al nome collettivo che fa da soggetto. La forma più corretta sarà La truppa dei soldati prussiani non era preparata.

Se hai difficoltà a stabilire come muoverti, dai un’occhiata all’articolo determinativo o indeterminativo che precede il nome proprio: se si tratta di un nome collettivo, troverai comunque l’articolo al singolare e dovrai, di conseguenza, scrivere il verbo seguendo la terza persona singolare.

Molta attenzione va dedicata quando entra il gioco il Che relativo, ovvero il Che che ha la funzione di pronome e sostituisce Il quale e La quale. In questo caso, il Che introduce un’intera frase relativa, espressa con un verbo al plurale. Questa situazione si presenta quando, dopo il nome collettivo, si trova il complemento di specificazione al plurale. Riprendiamo l’esempio precedente, La truppa dei soldati prussiani che non erano preparati è stata sconfitta. Il Che ha la funzione di pronome e di soggetto della seconda frase e si può sostituire con I quali. Il verbo della seconda frase concorda quindi con I quali, sostituiti dal Che relativo. Il verbo della frase principale, invece, si scrive al singolare, con l’espressione è stata sconfitta. In questo caso, per orientarti, cerca il soggetto della frase: non potrai sbagliare se starai attento ai pronomi e al Che in particolare.